Cool Runnings, recensione del film

Pubblicato il da J. A.

Parliamo del film americano "Cool runnings", che nell'edizione italiana è meglio conosciuto con il sottotitolo "Quattro sottozero", una commedia per la famiglia, del 1993.

Trama del film

Cool runnings”, che nell’edizione italiana compare con il sottotitolo “4 sotto zero”, è un film statunitense del 1993, diretto dal regista John Turterltaub e coprodotto dalla Walt Disney Pictures. La pellicola, lunga 98 minuti e appartenente al genere della commedia, ha incassato al botteghino quasi 69 milioni di dollari, tutti ben meritati ed oggi è facilmente reperibile in dvd. Nel cast sono presenti attori come Leon, Doug E. Doug e John Candy, divenuto celebre negli anni ‘80 dopo la sua partecipazione al film “The Blues Brothers” e morto precocemente nel 1994, a soli 43 anni, in seguito a problemi cardiaci. Le vicende rappresentate in “Cool runnings” sono ispirate alla storia vera della nazionale giamaicana di bob a quattro, che partecipò alle Olimpiadi invernali del 1988 tenutesi a Calgary, in Canada. Il protagonista Derice Bannock, interpretato da Leon, è un velocista giamaicano che si allena per rappresentare il suo Paese alle Olimpiadi del 1988, gareggiando nella specialità dei 100 metri, e seguendo così le orme del padre, già oro olimpico nella stessa categoria. Durante la gara di qualificazione però, cade e vede allontanarsi il suo sogno. Il desiderio di partecipare alle Olimpiadi però è troppo grande per rinunciarvi, così Denice abbraccia il folle progetto di creare la prima squadra giamaicana di bob a quattro. Per farlo chiede aiuto all’americano Irving Blitzer, impersonato da John Candy, ex oro olimpico in questa specialità, caduto in disgrazia dopo un deplorevole imbroglio che gli è costato il ritiro di alcune medaglie vinte nel suo glorioso passato. Quando la squadra si presenta alle Olimpiadi invernali, pur tra l'iniziale diffidenza degli atleti del resto del mondo, riesce a conquistare le simpatie del pubblico, anche quando un incidente rischia di infrangere il sogno, allontanando per sempre il traguardo.

Aspetti positivi

È un film che si guarda con piacere, perfetto per la famiglia, leggero e divertente, ma anche toccante nel finale, soprattutto per chi crede che, nello sport come nella vita, valga la pena non arrendersi mai. Offre indistintamente ad adulti e bambini, una lezione coinvolgente e per nulla pedante sugli ideali dello sport, toccando temi sociali come l’intolleranza, il razzismo e il pregiudizio.

Non bisogna farsi trarre in inganno dall'età della pellicola, perché questo è uno di quei casi in cui il cinema sa cristallizzare le emozioni di un momento per lasciarli in dono alle generazioni future.

Aspetti negativi

Non ho trovato alcun aspetto negativo nella visione del film.

film pellicule35mm slide frame with film clapboard..

Con tag Cinema

Commenta il post